Visualizzazione post con etichetta Europei 2012. Mostra tutti i post

Italia Germania Euro 2012: tra i Festeggiamenti lo Scandalo dei Bambini malati di Cancro



Dopo lo sterminio dei cani per "ripulire" le strade ucraine, si scopre notizia dei soldi tolti ai bimbi malati di cancro usati per gli Europei 2012


È scandalo in Ucraina.
Il governo ha ridotto di quasi 35 milioni di euro i fondi che erano stati destinati all'ospedale pediatrico Oxkhmatdyt di Kiev per i bimbi malati di cancro, per dirottarli sugli Europei di calcio 2012.

Mentre gli italiani di tutto il mondo festeggiano il  loro orgoglio nazionale - completamente assente durante tutto il resto dell'anno - un altro scandalo si abbatte su questi Europei, dopo lo sfruttamento del turismo sportivo-sessuale e l'orrore della strage di cani. La sanità ucraina infatti ha un ruolo di prim'ordine per il riciclaggio di denaro sporco, a cui prendono parte politici ed amministratori locali.

Secondo quale criterio il calcio è più importante dei diritti dei bambini? Quelli dei bambini ucraini sono stati calpestati con un decreto governativo che li priva del reparto di oncologia (foto: Infophoto). 
Ecco la lettera aperta firmata da alcune organizzazioni ucraine ed internazionali:

"Col decreto governativo numero 433 del 21 maggio 2012, relativo ad alcune modifiche da apporre al programma statale per la preparazione e lo svolgimento della fase finale del Campionato Europeo di Calcio in Ucraina nel 2012, il governo ucraino ha ridotto di 349 milioni di grivne (34,9 milioni di euro circa) le dotazioni del bilancio statale, in precedenza allocate all'ospedale pediatrico Oxkhmatdyt, che sono passate da 399 a 50 milioni di grivne e, nello stesso decreto, è stato deciso di aumentare le allocazioni destinate a Euro 2012 di 340 milioni di grivne, portando il totale destinato dal governo ucraino agli Europei a quasi 21 miliardi di grivne".
di Valeria Gentile
Fonte: http://reporters.blogosfere.it/

UCRAINA: CANI UCCISI PER GLI EUROPEI, FEMEN, POCA DEMOCRAZIA E TYMOSHENKO IN CARCERE

L'Ucraina debutta oggi come paese ospitante di Euro 2012, ma con tante ombre: lo sterminio dei randagi, Yulia Tymoshenko tenuta malata in carcere, le accuse di poca democrazia. E intanto Femen attacca

Ma che diavolo di posto è un Paese in cui, se disgraziatamente la Uefa gli affibbia un Europeo di calcio, si organizza una caccia ai cani randagi su scala nazionale perché sono brutti a vedersi (brutti per i facoltosi turisti stranieri che vengono a vedere le partite e a degustare la celebre gnocca locale).


Un Paese in cui per farsi notare quando si protesta bisogna essere 1) donne e 2) mettersi in topless come le Femen, ragazze dalla salute ormai minata da raffreddori e polmoniti dopo anni di manifestazioni a capezzoli al vento contro la discriminazione anti-femminile, la corruzione, il turismo sessuale (vedi sopra alla voce "celebre gnocca locale"), Berlusconi e Chernobyl.


Un Paese il cui primo premier donna della sua storia - Yulia Tymoshenko - viene sepolta in galera (e potete immaginarvele, le galere di un Paese così) per una faccenduola di corruzione - consolidata prassi di Governo di molti Paesi dell'ex Blocco sovietico - con il vero obiettivo di mettere fuori gioco una popolare leader politica acerrima nemica del presidente dello Stato, Viktor Janukovič.


Ma che diavolo di posto è un Paese come questo? È l'Ucraina: mettetevi comodi a sedere, perché lo spettacolo di Euro 2012 Polonia Ucraina inizia stasera. Buon divertimento.
Alberto Vaccaro